Fotografia, il Museo Lechi apre al Macof per tre mostre: la prima su Dondero

walter iasiello

L’idea, condivisa dalla Loggia e dal comune monteclarense, è di allestire tre esposizioni nel corso di tutto il 2018. Nel progetto «Museo Lechi — Un anno per la fotografia», infatti, dovrebbe essere inclusa anche una mostra che ha qualche affinità elettiva ma soprattutto focale con il Photo Festival

Tracolla di cuoio, fazzoletto da partigiano nella pochette e Leica incollata al braccio, lo chiamavano Donderoad: divideva una camera con Ugo Mulas alla pensione Solferino, tirava monetine contro la parete ai tavolini pieni di fumo del bar Giamaica e cercava di scattare fotografie calde, quelle dove non è tutto in posa, perché il mondo non è mai in posa. Professione fotoreporter: il born to run Mario Dondero non voleva altre definizioni. A lui, uno dei freelance più immensi che abbia mai avuto l’Italia ingrata con i fotografi, testimone oculare, per vocazione, dovere e piacere di un secolo in bianco e nero, sarà dedicata la prima mostra: il Macof — il Centro della fotografia al Mo.Ca., l’ex tribunale — trasformerà il Museo Lechi di Montichiari in una camera oscura con una sessantina di scatti del fotografo-partigiano di Fermo, morto tre anni fa.

Continua a leggere

Comments (0)

Leave a comment

Your email address will not be published.