Nasce l’archivio Europeana Photography

walter iasiello

50 istituzioni pubbliche e private, 34 paesi e 2 milioni di immagini. Questi i numeri del progetto Europeana Photography, un nuovo archivio online dedicato alla storia del mezzo fotografico.

Una risorsa straordinaria, che si candida a diventare un punto di riferimento per tutti gli studiosi di storia della fotografia. Si chiama Europeana Photography ed è un archivio online che mette insieme il patrimonio di oltre cinquanta istituzioni del vecchio continente, offrendo un panorama vasto e completo dei primi cento anni di vita del mezzo fotografico: dagli stereogrammi alle fotografie in studio, dalle foto di paesaggio a quelle di reportage. L’iniziativa, promossa da Photoconsortium, Consorzio internazionale per il patrimonio fotografico, è l’ultima aggiunta in ordine di tempo al già vastissimo archivio Europeana Collections, una biblioteca digitale che contiene un vastissimo corpus di materiali relativi ad arte, musica e moda.

I DATI DELL’ARCHIVIO

Il patrimonio fotografico messo a disposizione è davvero impressionante, sia per quantità (parliamo di oltre 2 milioni di immagini) che per qualità e varietà (le foto provengono da 34 paesi del mondo differenti). Tra le istituzioni che partecipano al progetto ci sono realtà molto note nel settore della fotografia, sia per quanto riguarda il pubblico che il privato, tra cui l’italiana Fratelli Alinari, considerata la prima agenzia fotografica al mondo. Non mancano, naturalmente, le fotografie di tanti autori famosi come Julia Margaret Cameron, Eadweard Muybridge, Louis Daguerre e Man Ray e oltre un quinto delle fotografie pubblicate sono libere da vincoli di copyright e dunque utilizzabili dagli utenti.
 Per orientarsi nella vastissima raccolta, il sito offre diversi strumenti: oltre a un search molto dettagliato, è possibile navigare la collezione seguendo i focus suggeriti periodicamente dagli editor del sito e del blog collegato. Come ad esempio la galleria dedicata agli studi botanici dello scienziato e fotografo tedesco Wilhelm Weimar, oppure quella che racconta la storia della lanterna magica, o ancora, l’interessante mostra online intitolata Photography in the Machine Age, una carrellata di foto d’epoca che racconta la vita nelle fabbriche all’inizio del Ventesimo secolo.

– Valentina Tanni. Fonte

www.europeana.eu/portal/it/collections/photography

Comments (0)

Leave a comment

Your email address will not be published.